Seleziona Pagina

Berenice

 

Racconto

Periodo: 27 dicembre 2019 - 3 gennaio 2020

Pernottamento: Wadi Lahmy Azur Resort

Il Mar Rosso con i suoi meravigliosi fondali ci ha ispirato già lo scorso anno, quando abbiamo visitato Aqaba in Giordania; quest’anno, alla ricerca del caldo come ogni inverno, decidiamo di ritornarci scegliendo di dedicargli un’intera settimana per godere completamente della sua bellezza. La scelta cade su Berenice, a sud di Marsa Alam verso il confine con il Sudan, al Wadi Lahmy Azur Resort, un villaggio all inclusive che sicuramente non rappresenta proprio il nostro stile di vacanza, ma che appuriamo essere l’unica possibilità per poter esplorare la barriera corallina del Mar Rosso. Ci ricrediamo in parte sulla soluzione sperimentata: la vacanza è piacevole soprattutto perché non vi è animazione e, data l’assenza di servizi particolari, la presenza di famiglie con bambini è davvero ridotta.

Gustiamo con piacere la squisita cucina mediorientale disponibile a tutte le ore del giorno: non è molto distante dalle nostra per ingredienti, ricette e tradizione, essendo in parte mediterranea, ma, allo stesso tempo, si mescola anche alla tradizione culinaria araba, senza dimenticare il largo uso di spezie… nel mentre i molti italiani presenti invocano pasta e pizza per poi lamentarsi dell’approssimazione con cui vengono cucinate! Facciamo incetta di salsa tahini quasi quotidianamente, mentre il Muslo assaggia anche carni di montone e agnello cucinate divinamente. Insomma, grande soddisfazione!

Indubbiamente il Mar Rosso riserva uno spettacolo di colori davvero stupendo e i fondali che troviamo nella vicina riserva del Wadi El Gemal hanno qualcosa di veramente straordinario.  Anche il nostro villaggio ha una barriera corallina di tutto rispetto che, raggiungibile attraverso il comodo pontile, regala una grande varietà di bellissimi pesci colorati: si ha l’impressione di essere immersi in un acquario! Abbiamo anche la fortuna di incontrare una bellissima tartaruga.

La stagione non permette immersioni molto lunghe se non con la muta; infatti l’acqua è abbastanza fredda (circa 22 gradi) e la temperatura esterna ha una massima di 23/24 gradi. La sera rinfresca piuttosto decisamente ed il vento soffia quasi perennemente. Ad ogni modo durante il giorno si gode di un clima mite, ben lontano dai freddi lombardi, che permette di fare una vera vacanza di mare: ozio e sole con l’unica attività dello snorkelling quale piacevole diversivo.

Decidiamo di partecipare a due escursioni in barca: la prima riguarda le cosiddette isole bianche, un arcipelago di atolli di sabbia bianca finissima al largo di Hamata, circondate dalla barriera corallina e da piscine naturali di acqua trasparente. Qui ci si immerge e si assiste allo spettacolo di un acquario naturale che è impressionante per bellezza; si può anche raggiungere una delle isole, dove la sabbia è bianchissima e l’acqua è di un incantevole color turchese. Pranziamo divinamente a bordo della barca ma non possiamo eccedere nelle quantità in quanto, subito dopo, è prevista una sessione di snorkelling a cui, eroicamente, partecipano solo tre persone (di cui due sono i Musli!). La seconda escursione, di mezza giornata, è a Sharm El Luli, la baia delle perle: è una spiaggia di sabbia bianca che, al largo, regala un fondale pieno di coralli e pesci colorati. Anche qui ci dedichiamo allo snorkelling, a prendere il sole e a godere di tutto quello che ci circonda passeggiando sulla sabbia. Che paradiso!

Noi, solitamente poco avvezzi alla ricorrenza del Capodanno, ci uniamo ai festeggiamenti del villaggio partecipando alla cena organizzata in una grande tenda che vuole ricostruire una sorta di acquario… mai nella nostra vita avevamo visto una tale quantità di cibo tutta insieme! L’atmosfera è elegante ed è riunito tutto il “gotha” della dirigenza dell’hotel ma, dopo aver apprezzato lo spettacolo della danza del ventre di una prosperosa ragazza locale, decidiamo di far ritorno alla nostra confortevole camera ancora prima di mezzanotte… domani ci aspettano ancora la barriera e i suoi pesci!

Alla fine della vacanza lasciamo il resort con un po’ di nostalgia e con il proposito di ritornarci in estate per godere appieno di bagni e giornate più lunghe grazie al clima estivo; il Mar Rosso è davvero un paradiso di colori e pesci e rituffarci in quelle acque è una cosa che non ha eguali, una delle bellezze naturali uniche da vivere.

 

Immagini